Cosa analizziamo

Il primo servizio offerto da Genessere serve per avere un quadro completo del proprio stato di salute. Esso è composto da due principali parti analitiche, una prima parte generale e una seconda parte maggiormente specifica.

La prima parte: predisposizioni generali

Nella prima parte “generale” Genessere prendi in considerazione i fattori di rischi genetici e non genetici per determinare la predisposizione individuale verso quattro “aree di salute” e altrettante problematiche. Esse sono: l’obesità (propensione ad accumulare peso corporeo); diabete di tipo due; ipertensione; problemi cardiovascolari.

Queste quattro aree rappresentano le principali cause di malessere di molte persone. E’ importante avere sotto controllo la propria situazione e la propria personale predisposizione verso ognuna di queste problematiche. La predisposizione personale può dipendere sia da fattori non genetici come ad esempio le abitudini alimentari e lo stile di vita: questi sono tutti fattori modificabili su cui è possibile intervenire. Poi vi sono i fattori genetici, le predisposizioni che ognuno di noi si porta dentro senza poterle modificare: è importante anche conoscere questo aspetto in modo da poter efficacemente dosare il nostro intervento sui fattori modificabili.

Per l’analisi di queste quattro aree di salute il sistema Genessere prende in considerazione alcuni importanti parametri non genetici quali i valori ematici dei lipidi, la pressione sanguigna e altri parametri biometrici automisurabili. Questi parametri sono facilmente reperibili e alcuni di essi sono ricavabili dalle comuni analisi del sangue (meglio se recenti, possibilmente non più vecchie di sei mesi): l’utente viene invitato a inserire tutti questi parametri e a rispondere ad una serie di domande all’interno della piattaforma online nel proprio profilo personale. Inoltre Genessere determina la presenza di variazioni genetiche specifiche che influiscono sulle stesse quattro aree di salute in modo da avere un quadro completo della predisposizione intrinseca personale. L’integrazione di tutti i risultati offre un quadro completo dello stato di salute.

La seconda parte: caratteristiche genetiche specifiche

Nella seconda parte del “servizio Genessere” viene analizzata la presenza/assenza di caratteristiche genetiche specifiche per alcune importanti intolleranze o difetti di metabolismo. Esse sono:
– la predisposizione allo sviluppo di celiachia (intolleranza al glutine);
– intolleranza al lattosio;
– il livello di percezione dei gusti amari, importante per un giusto approccio nei confronti di alcuni cibi;
– il metabolismo della caffeina e dell’alcol, elementi molto comuni ma verso i quali non tutti reagiamo allo stesso modo;
– il metabolismo del ferro e del folato (vitamina B), importanti per un giusto equilibrio nutrizionale e psico-fisico e un corretto funzionamento di molte funzioni metaboliche tra cui le anemie.

Queste analisi danno luogo ad alcuni consigli specifici in funzione delle caratteristiche genetiche trovate e possono essere utilizzate come informazioni utili di per se e in parte integrando le informazioni ottenendo nella parte generale per le quattro aree di salute.

Un sistema probabilistico pensato per prevenire

E’ importante ricordarsi che le analisi di predisposizione genetica e non genetica eseguite da Genessere non costituiscono un test diagnostico ma hanno valore probabilistico e servono per indirizzare e meglio focalizzare gli sforzi di miglioramento verso le aree di salute che hanno una maggiore probabilità di diventare problematiche nel futuro.

Avere una elevata propensione per una problematica – ad esempio per l’ipertensione -, sia che essa sia imputabile a fattori genetici o non genetici, non significa esserne affetti: è soltanto una importante informazione che ci aiuta per meglio prevenire l’insorgenza di quella problematica.